Ho bisogno di te, amore mio!

– “Ho bisogno di te amore mio!” è una frasetta che va disambiguata, va chiarita. Perché?
Se ho bisogno di te perché solo quando ci sei tu suonano le campane, volano le rondini e fioriscono le rose anche in pieno inverno, è un conto. Se, viceversa, ho bisogno di te perché senza di te non so camminare, non so vivere, non so stare, e questa è una dichiarazione di bisogno, no?, altra cosa dunque da una dichiarazione d’amore; cioè, amore come bisogno, che ben inteso è perfettamente legittimo, ma è l’amore di tutti i bambini verso i genitori. Loro non possono ancora far distinzione tra il bisogno e i desideri, per questo poi sono impazienti: quando vogliono, vogliono!
Eh, l’adulto…quando il rito del matrimonio ospita la famosa frase: “Nella buona e nella cattiva sorte..”, non è una parola sciocca poiché indica tutte e due le possibilità. Nella buona sorte, c’è la felicità, c’è la libertà, c’è la salute e tutto questo è bello e forte e non muore nessuno se, ad esempio, uno dei due prende il treno e va da un’altra parte per poi tornare, ecc. Nella cattiva sorte, se uno dei due si trova a letto febbricitante per giorni, corna facendo per settimane, eh no, non è che l’altro può andare a spasso; hanno fatto un patto appunto: lui con lei, lei con lui, nella buona e nella cattiva sorte.
Questa competenza a distinguere il bisogno dal desiderio è un’acquisizione adulta. Quando si è malati, intendo impediti fisicamente, si regredisce fisiologicamente, diventando un po’ bambini e può quindi accadere che il bisogno prevalga sul desiderio.
Una bella camminata in montagna non è un bisogno è un desiderio che procura piacere. Quando il desiderio incontra l’oggetto corrispondente si chiama piacere. Quando è il bisogno invece a incontrare l’oggetto corrispondente, mah, può esserci anche lì il piacere, ma intanto si trova la tranquillità: “C’è qualcuno che si occupa di me, non sono solo insomma”.
Contrariamente, il bisogno di un intervento chirurgico, non può essere fonte di desiderio. Il bisogno di salute sarà desiderio al di là dell’andamento delle cose quando andranno per il verso giusto.
Insisto su questo punto, perché? Viviamo in un tempo che ha difficoltà a fare questa distinzione, complice la rapida disponibilità di oggetti di desiderio che un tempo richiedevano tempi lunghi.
– “Ho voglia del motorino mamma!”
– “Eh no caro, ne riparliamo tra un anno, adesso sei ancora troppo piccolo. (Ma non “cavatelo dalla testa”, no!, tienilo ben a mente, però lo avrai non prima di un anno)”.
Per dire quindi, desideri lunghi. Quando arriva il motorino poi è la felicità, la libertà che prima non avevo nella stessa misura. Ma se il motorino arriva subito, come arriva subito la penicillina se ho la bronchite, tutto diventa urgente, e cosa succede? Succede che diventano bisogni degli oggetti che in realtà potrebbero stare dalla parte dei desideri. Fortunate in questo le persone avanti con gli anni che possono ancora oggi gioire festosamente per l’arrivo di, che ne so, un bel vestito nuovo, perché là e allora per averlo dovevano aspettare un anno.
Il TUTTO E SUBITO ha un inconveniente: elimina le attese, quel tempo che intercorre dalla nascita di un desiderio e l’arrivo dell’aggetto corrispondente.
L’attesa è preziosa
. Se il desiderio viene saturato subito acquista caratteristiche di bisogno, ma i bisogni non ci fanno mica felici! Se abbiamo voglia dell’automobile nuova (la voglia, non il bisogno) – e l’automobile ce l’abbiamo già però è uscito quel nuovo modello che ci soddisfa di più – e arriva subito, perde di valore. Il desiderio lungo quindi, attribuisce valore. Il desiderio rapidamente saturato perde di sapore.
Il poeta, scrittore francese Paul Valéry applica questo principio persino al pensiero, all’idea originale: “L’idea è vanto di un desiderio molto lungo, quando arriva.” Eh, se un’idea è nuova occorre desiderare a lungo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...